giovedì 10 dicembre 2009

Cupcakes Ellenikà - yogurt greco, miele e noci


Olio al posto di burro, miele invece dello zucchero, solo un uovo, yogurt magro: che altro potreste desiderare ripetere tra voi (o ad antipatici fidanzati che insistono garbatamente sull'urgente vostra necessità di iniziare una dieta :P) all'infinito, mentre di questi cupcakes ne mangiate uno, due, tre, quat... Ops! :)



[(Che poi è proprio una botta di fortuna che io stia scrivendo questo post. Un'ora fa, ero convinta di aver perso metà delle ricette degli ultimi mesi, infilate in una busta di plastica e dimenticate. L'ultimo ricordo che avevo della busta era in Sicilia un mese fa - e, sforzandomi di ignorare il brividino d'ansia che mi percorreva la schiena, stavo cercando di convincermi di averla lasciata lì - stavo già ricostruendo nella mia mente il momento in cui, davanti al computer di mia zia, avevo poggiato la busta sulla scrivania, avevo imbracciato lo zaino ed ero salita in macchina per l'aeroporto. Ero praticamente convinta di averlo fatto, quando, l'illuminazione: il garage! Da un anno a questa parte, gli articoli di pasticceria hanno colonizzato, pian piano, 3 scaffali della dispensa. Anch'io ne sono spaventata: lì dentro c'è di tutto, articoli tipo stelline rosa di zucchero per decorare cupcakes, o tavolette di cioccolata di Modica al sale così deliziose che non ho il coraggio di finirle, o ancora scatolette vuote di mascarpone che, sisammài, potrebbero servirmi una mattina di queste per trasportare i biscotti all'università. Per non parlare ovviamente di stampi stampini coloranti aromi spatole fruste. Insomma, dentro quella dispensa do libero sfogo alla mia innata dote di equilibrista e giocatrice di tetris (be', un attimo, non ho mai giocato a tetris, ma vabbe' :P), incastrando le cose tra loro con angolazioni impossibili, poggiandole solo per uno spigolo, abbandonando il resto dell'oggetto contro il fianco di quello vicino.

Sì, come già detto, il mio disordine cronico mi spaventa alquanto. E, più che spaventare, fa imbufalire mia madre, che getta senza tanti riguardi anche farina e zucchero di tutti i tipi nei "miei scaffali", che ora stanno traboccando pericolosamente. Oddio. Non voglio pensarci.

Insomma, tra questi scaffali c'è anche quello dedicato, tra le altre innumerevoli cose, anche ai libri di cucina, accatastati orizzontalmente, verticalmente, quadridimensionalmente, dando adito ad ogni più ardita fantasia spaziale atta a contenere degli oggetti parallelepipeidali.

Esattamente dietro i libri, mortificata contro la parete, eccola lì, la mia busta. L'ho abbracciata e le ho promesso che non ci saremmo separate mai più. Ed eccoci qui.)]




Miele-noci-yogurt. In seconda media mi nutrivo praticamente solo di questo - in quantità industriali. Vendevano questa confezione di yogurt greco con sopra miele e noci, della serie "Versa, mescola e mangia, non ti sforzare di più" in un grosso ipermercato nei pressi di casa. Vedendolo, mio papà la prima volta fece un sorriso nostalgico e ricordò che nella loro prima vacanza assieme lui e mia mamma avevano scoperto questa delizia nelle isole greche - e a due ragazzi siciliani sotto i 30 anni un connubio del genere, negli anni '70, suonava ben più che esotico. Da allora, sogno di andare in un'assolata isola greca con le cicale che mi fanno scoppiare le orecchie, l'odore di erba secca a riempirmi il naso (sì, vero, immagino le isolette greche come la profonda Sicilia orientale), e uno yogurt casereccio con miele casereccio e noci caserecce a sublimarmi il resto dei sensi.



Nell'attesa, mi accontento di imbrigliare questi profumi mediterranei nell'anglosassone forma di un cupcake.

Che virtualmente do a Konstantina - ti ho pensata facendoli! - perché adoro il suo blog e le sue foto e il suo modo di introdurre le ricette e quel(la?) cheesecake del mese scorso (chi l'avrebbe detto che i Greci avessero inventato anche questa?? ;D). A proposito, Konstantina, una domanda: che tipo di miele si usa tipicamente in Grecia per i dolci? Io sono andata come mio solito di miele d'arancio, ma solo perché l'adoro. :) Forse ci vedevo di più un miele liquido. Acacia?

Ora, ricetta!

Con questi partecipo alla raccolta di Pandipanna.


Cupcake

215 g farina autolievitante

1 cucchiaino lievito

1 cucchiaino bicarbonato

1 pizzico sale

1 tuorlo + 1 albume

200 ml yogurt greco magro + 30 ml latte

100 g miele d'arancio

50 g olio di semi

50 g noci spezzettate grossolanamente



"Decorazione"

un po' di yogurt greco magro

un po' di miele d'arancio

30 g mezze noci



Sbattere con la frusta a mano il miele con l'olio (che profumo, eh?). Aggiungere lo yogurt, precedentemente sbattuto col latte. Aggiungere il tuorlo. Aggiungere gli ingredienti secchi e mescolare velocemente, solo finché non vengono assorbiti. Aggiungere infine l'albume montato a neve e le noci tagliate grossolanamente.

Versare l'impasto nei pirottini di carta (poggiati nella teglia per muffin) per poco più di 2/3 e infornare a 220° per 15-20 minuti (per essere più precisa - dato che stranamente questo foglietto con la ricetta è puntiglioso, anzi, quasi maniacale, approfittiamone: mi sono venuti in tutto 15 muffins. 12 di essi sono stati cotti in stampini di 6,5 cm di diametro, e hanno cucinato per 15 minuti. Gli altri 3 si trovavano in formine di alluminio - quelle tonde piccole della Cuki - di 8,5 cm di diametro, e sono stati in forno per 23 minuti. 23. Perché ho scritto "23"? Di solito avrei arrotondato a 25. Che strano attacco di scrupolosità! XD)

Sfornare e far freddare, mentre si prepara la crema del topping, semplicemente sbattendo assieme miele e yogurt. Mi sa che ho allungato anche qui lo yogurt con un goccio di latte, ma per pura pigrizia, non è necessario. Anzi, se non lo si fa la consistenza è migliore!

Completare ciascun cupcake con mezza noce e buonanotte.



A onor del vero, ero alquanto orgogliosa di questa semplice ma carina decorazione dei cupcakes. Tempo dopo averli fatti e magnati, mi ritrovo a sfogliare il - bellissimo - libro sui cupcakes che mia madre mi ha portato lo scorso Natale dall'Australia, e indovinate un po'? Avevo inconsciamente scopiazzato la decorazione da un cupcake visto lì dentro. :)



C'è bisogno di dire che questi dolcetti, grazie al miele e allo yogurt, sono di una sofficiosità senza precedenti? E di un profumoso unico? No di certo! E allora go and bake, and enjoy them ;)

11 commenti:

  1. wow!!! l'altro giorno sono andata al supermercato e indovina: esiste ancora lo yogurt greco col miele e le noci sopra! da piccola adoravo questa trovata di mescolare i cereali negli yogurt, anche se poi finivo per mangiarmeli separatamente :p

    RispondiElimina
  2. figosissimi anzi, di più!!!!!!!
    ciao marina :-)

    RispondiElimina
  3. Ciao bella mia:)
    Grazie del pensiero!! Questi giorni sono pieni di stress per me, ma con un dolce del genere e con le tue parole, inizio la giornata decisamente meglio di ieri;))
    Mi hai fatto morire dal ridere con il tuo commento nel mio blog, i guanti da baseball, ahahahha, per altro è stato il primo commento di Herr D. appena ha visto il nuovo header:) Eh va bene, vedo di rimediare;)
    Per quanto riguarda il miele, in Grecia ci sono talmente tanti tipi di miele che non c'è uno in particolare per i dolci. Siccome di solito il miele si compra dal contadino, non ci facciamo tanti problemi, quel che c'è c'è e si compra quello.
    A casa mia si compra il miele di abete dal paese di mia mamma sulla montagna. E' un miele molto viscoso, per cui, quando mia mamma lo vuole usare per i dolci (poi ovviamente dipende anche dal dolce!), lo diluisce con un po' di acqua calda.
    E un ultima cosa: yogurt greco E magro!!! Scherzi, vero!?!? Ahahahahah:D
    Baci!

    RispondiElimina
  4. @ Konstantina XD Lo so lo so, non sono granché ortosossi, con lo yogurt magro... Ma la forma stessa del cupcake non lo è, quindi ho deciso di indulgere e di cercare di farli il più possibile magri! ;) Comunque ti prego, lascia così lo header. Mi ha fatto ridere un sacco! :D

    RispondiElimina
  5. ros sono semplicemente deliziosi e golosissimi!!!baci imma

    RispondiElimina
  6. La nostra telepatia a tratti diventa preoccupante mari. Oggi ho postato dei cupcakes con olio e yogurt!!
    La tua ricetta è particolare, mi sembra quasi un misto tra muffin e cupcakes e anche l'aspetto non mi smentisce, sembrano comunque molto molto invitanti!

    RispondiElimina
  7. Hai proprio ragione: semplici e leggeri..e chissà come son dolci!! anch ese questo particolare yogurt riesce ad evitare l'eccessiva mielosità! bel trio!
    un bacione

    RispondiElimina
  8. Bellissimi e che buoniiiiiiiiiii! Baci

    RispondiElimina
  9. Mariiiiinaaaaa, vai a vedere dove ho messo i guanti e dimmi se va meglio così;))

    RispondiElimina
  10. Ho imparato da poco ad apprezzare l'olio nei dolci e mi piacerebbe molto replicare questi cupcakes che riuniscono ingredienti deliziosi :))

    RispondiElimina
  11. E per fortuna che hai ritrovato il tutto!
    Mentre leggevo speravo nel lietofine... no, perchè mica vorrai privarmi delle tue ricette?
    Sia mai!
    Mi piacciono tanto!
    questi devono essere buoni buoni... fanno il paio con i miei alla carota (yogurt e olio evo) quindi potrei prepararne un po per le colazioni delle feste!
    potrebbe essere un'idea... mumble mumble....

    nasinasi

    RispondiElimina

Davvero lieta di sapere cosa ne pensate!